spasmo accomodativo

Lo spasmo accomodativo dell’occhio: cos’è e come si può curare

spasmo accomodativo occhioNon è una definizione che si sente tutti i giorni, come miopia o astigmatismo. Molto probabilmente alcuni di voi ne accusano i sintomi, senza sapere di cosa si tratta. E allora ci pensiamo noi a darvi una mano, spiegandovi cos’è lo spasmo accomodativo dell’occhio.

Per definizione, lo spasmo accomodativo dell’occhio si verifica quando si instaura una contrazione continua del muscolo ciliare. Tale contrazione determina un aumento di curvatura del cristallino. Le persone che ne soffrono, continuando ad avere questa cronica contrazione, detta accomodazione. Hanno uno spasmo del muscolo ciliare, che per capirci meglio è come un crampo. L’occhio resta fissato nella visione che cercava di mettere a fuoco, senza più riuscire a rilassare il muscolo ciliare.

Molto spesso lo spasmo si presenta in soggetti giovani, anche bambini, in caso di sovraffaticamento. Ad esempio quando svolgono attività a distanze ravvicinate per tempi molto lunghi. Può capitare che il bambino tenga il libro molto vicino agli occhi e non veda la lavagna. Allo stesso tempo lamenta dei forti mal di testa mentre legge. Il primo istinto è quello di associare questi sintomi alla miopia, ma con un’accurata visita oculistica si scopre subito che dietro i disturbi del bambino c’è uno spasmo accomodativo.

Questo difetto dell’occhio, molto frequente negli ipermetropi, causa mal di testa, mal di movimento, bassa concentrazione, difficoltà a portare a termine un compito, ma soprattutto comporta una visione sfuocata, che può far pensare inizialmente ad una miopia.

Ovviamente lo spasmo accomodativo dell’occhio si può curare, e se riconoscete qualche sintomo tra quelli elencati non esitate a fare una visita approfondita dal vostro oculista, che saprà consigliarvi la soluzione migliore per voi. Nel frattempo potete dare un’occhiata ai prodotti che 1000Lenti.it ha selezionato per voi:

Dailies AquaComfort Plus

Eye Definition Pure

Eye Definition Fit

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Sommario